neonzine

103 anni di stile

Rita Levi Montalcini oggi compie 103 anni, donna di straordinaria intelligenza e, soprattutto, di eleganza .

Si, avete capito bene, non faremo la solita storia della sua vita da scienziata e di tutte le sue onorificenze; questa è una rubrica di moda, chissenefrega di parlare di bui laboratori in cui aleggiano mefitici miasmi chimici!

Dunque dicevamo, la nostra cara Rita, nel tempo, si è costruita un’immagine e uno stile assolutamente originali e distintivi; stile apparentemente austero, ma che svela in realtà una vanità accesa e precisi vezzi personali.

Il suo colore d’elezione sembra essere il nero (ottima scelta); si mantiene sempre su toni scuri: petrolio, rosso bordeaux, grigio, viola ed é il tipico esempio di “se ti piace, prendilo in tutti i colori“, spesso infatti la vediamo sfoggiare abiti dalle stesse linee, in diversi colori. Linee che sono consolidate, sempre quelle e sempre chic; è chiaro che si faccia fare i vestiti su misura, probabilmente secondo i suoi raffinatissimi dettami.

Andiamo alla scoperta dei suoi pezzi iconici: spalline larghe, vaporose e arricciate in cima, colletti alla koreana, alti, impreziositi da rouches di pizzo, collane girocollo, pendenti preziosi, ma minimal, o spille (una in particolare, forse un cimelio di famiglia).

La vita è sempre stretta con fasce tono su tono. Ama il raso, usato per impreziosire collo e maniche e per dare uno stacco di luce, e il velluto.

Immancabile il girocollo di perle, ma usato con moderazione e spesso preferito a un pedente a forma simil romboide che impreziosisce quasi tutti gli outfit della signora Levi Montalcini; si tratta probabilmente di un dono o di oggetto di famiglia o di un segno distintivo del proprio stile (come le perle per Coco Chanel o gli occhiali colorati per Elton John).

A volte l’abbiamo vista comparire in tailleur nero, sapientamente abbinato alla camicia bianca; un must, quello del completo Black&white, rivisitato secondo il suo stile: solito colletto fasciante alla koreana e maniche della giacca bombate e arricciate. Di soltio preferisce lunghi abiti austeri, da educanda ottocentesca gothic-chic.

Sulle dita ossute pochi orpelli e gingilli, che sciuperebbero l’austerità della figura; ogni tanto un anello domina solitario, accompagnato solo da un bracciale alto, in oro giallo e pietre, che spesso abbiamo circondare il sottilissimo polso della nostra icona.

Come tocco di classe, capelli bianco-grigi, di un bianco argenteo, sempre raccolti dietro e lasciati un po’ vaporosi sul davanti; ricordano un po’ la regale acconciatura del Conte Dracula.

Rita Levi Montalcini ci ha regalato anni di stile inconfondibilmente suo, austero, ma femminile, serio e vezzoso; sarà stao il retaggio culturale che affonda le radici ai primi del ‘900 (epoca da cui, in fatto di moda, Rita non è mai spostata, pur rimanendo sempre attuale e raffinata, mai demodè), saranno state le sue governanti in tenuta bianca e nera, le linee sottili e articolate della Belle Epoque, i pizzi, i colletti, i caffè dove le dame prendevano il thè civettuole, saranno state tutte queste cose insieme ad ispirare il gusto in fatto di moda, fatto sta che noi di Neonzine la eleggiamo a incontrastata e incontrastabile icona di stile.

Brava Rita, altri cent’anni di femminilità ed eleganza!

 

 
Written by: Avant Garden