neonzine

Obama consegna il “KENNEDY AWARD” ai LED ZEPPELIN

I Led Zeppelin non sono mai stati  “venerati” a casa loro.
Non piacciono alla Regina d’Inghilterra che non li nomina “baronetti”, come invece ha fatto con McCartney e Mick Jagger.
Oltretutto non sono stati neanche omaggiati durante la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Londra 2012, il che è grave se si pensa che invece lo sono state le Spice Girls ( ! ) .

In America non è stato proprio così.
Secondo il Recording Industry Association of America, i Led Zeppelin sono quarti nella classifica delle band che hanno venduto più dischi in assoluto nella storia della musica e gli unici, insieme a solo altre due bands, ad aver conquistato il “Diamond album” per più di 3 album.

Ieri, 3 Dicembre 2012, l’America fornisce l’ennesima riprova del suo amore incondizionato per i Led; Barak Obama consegna a Robert Plant, Jimmy Page e John Paul Jones, il “Kennedy Center Honour Award” .
Il riconoscimento, dal 1978, viene dato a quegli artisti che hanno contribuito, in modo definitivo, allo sviluppo della Cultura Americana.
Un’Obama ironico è quello che presenta la band alla consegna dell’award: “Negli anni 60 arrivano i Led Zeppelin: c’era questo cantante che sembrava un leone, un prodigio alla chitarra che lasciava la gente a bocca aperta, un bassista/tastierista geniale ed un batterista che viveva in funzione del suo strumento. E mentre in Inghilterra inizialmente passarono inosservati, in America spopolarono. Si dice che qui in USA, una generazione di teenagers riuscì a sopportare i drammi legati a quell’età solo grazie ad un paio di cuffie ed un album dei Led Zeppelin, mentre una generazione di genitori si chiedeva cosa diamine fossero quei rumori. Oggi, 32 anni dopo la morte di John Bonham, apprezziamo il fatto che la band ha deciso di non suonare più insieme dopo quel tragico evento. C’è stata solo una reunion, nel 2007 e più di 20 milioni di persone cercarono di acquistare il biglietto per quell’occasione. Quello che ne uscì fu un concerto di una band che, senza auto-celebrarsi, ha voluto riunirsi per il solo intento di suonare. Questi ragazzi hanno ridefinito il “rock and roll lifestyle“: stanze di hotel sono state rase al suolo….quindi ora li stiamo ospitando in un posto (la Casa Bianca), dove i vetri sono spessi 5cm e ci sono servizi segreti ovunque, quindi ragazzi, calmi che questi quadri costano!

Altro tributo è quello di David Letterman, anche lui premiato la stessa sera insieme a Buddy Guy, Dustin Hoffman e Natalia Makarova, che li invita al suo “Late Night Show“.
Alla domanda “Ha ragione Jack Black quando dice che voi fate musica sul sesso, sui Vichinghi e sui Vichinghi che fanno sesso?“, un esilarante John Paul Jones risponde “…..ha dimenticato i Vichinghi che fanno sesso con gli Hobbits!!“.

 

Scritto da : Serena Di Carlo