neonzine

Robert Penney: quando il nuovo è già “retrò”

Immaginate di essere nel 1964, entrare di un negozio di dischi e trovare su uno scaffale il 45 giri del singolo “Poker face” di Gaga:

 

Questo è stato il viaggio mentale di Robert Penney, designer “retro-futuristico” britannico e nostalgico del vinile.
L’idea di Penney è quella di “ripulire” il look di alcuni artisti odierni e renderli consoni ad una decade (gli anni 60) in cui i look delle pop stars e dei gruppi musicali erano decisamente più innocenti.
Il risultato è impeccabile, specialmente se paragonato alle copertine di oggi, ormai piccole foto di anteprima su Ipod e Itunes.

 

 

The Libertines – What A Waster (1965)
“Shedding their grungy image, The Libertines are pictured alongside their first names as if a publicity-hungry record company was coaxing young audiences to memorise them and pick a favourite.” -Robert Penney

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Interpol – Obstacle 1 (1964)

“New York ‘miserablists’ Interpol had a Beatlemania facelift as they’re pursued through the streets by admiring fans.” -Robert Penney

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lady Gaga – Poker Face (1957)
“In a rare photograph without heavy make-up, Lady Gaga was transformed into a true diva, styled as a big ballad performer in the vein of Connie Francis.” -Robert Penney

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Thom Yorke – The Eraser (1986)
“Outspoken philanthropist Thom Yorke dropped his interest in social activism and caved to the materialistic ‘80s lifestyle by embracing synth-pop in the only LP album of this series.” -Robert Penney

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://penneydesign.tumblr.com/

 

scritto da
SDC