neonzine

Cosa porteremo con noi dal 2011

Anche il 2011 nel mondo della moda è stato un anno eccezionale, ci ha portato nuovi brands, nuovi colori, revival, nuovi must-have; e come ogni anno stilisti e streetstylers ci hanno proposto abiti, accessori e abbinamenti che sono diventati il “can’t live without” del momento.
Ogni anno, infatti, si fa largo un capo, un accessorio, un colore che rapiscono la scena; oggetti feticcio, nuovi “cult” che ci vengono proposti su tutte le passerelle, in tutti i blog, da tutti fashion victims…molte di queste tendenze spariscono nel giro di una stagione, ma cosa sarebbe un cult se non sopravvivesse nemmeno da un anno all’altro?
Ebbene ecco una lista di cose che il 2011 ha consacrato e messo nell’olimpo dei “nuovi classici” (almeno per la prossima stagione…)

BORCHIE:
Il 2011 è stato decisamente l’anno del revival del punk anni 70: stile dark, teschi, catene, ma soprattutto borchie.
Dorate, appuntite, colorate, stondate, alte, basse, sulle scarpe, sulle borse, sulle tasche dei jeans, sui bracciali, sugli anelli, sulle spalline delle giacche.
Chi di noi, quest’anno, non ha indossato almeno un accessorio borchiato, chi non si è voluto sentire, per una sera, un musicista rock, un poeta maledetto, un punk londinese? Ma si sa, ogni cosa che viene riproposta, viene inevitabilmente trasformata, reinserita in un nuovo contesto, con nuovi significati.
Non è un caso che la raffinatissima maison Valentino abbia fatto dei suoi pezzi forti della collezione a/w 2011 proprio clutch e decolletè borchiate, che rivedremo nella s/s 2012, dando un tocco rock ad uno stile che resta inconfondibilmente chic, elegante ed etereo.
Ancora più rockettare le sneackers in suede di Louboutin e i mocassini di Giacomorelli, che già quest’inverno ci aveva fatto sognare con le sue babbucce borchiate.


CLUTCH:
così terribilmente scomode da tenere in mano, quanto belle da indossare, le borse a mano, feticcio del 2011, saranno tra le nostre braccia anche nel 2012.
Lo so, riuscire a tenere in mano la borsa, il drink e lo smartphone è impresa impossibile, ma potrebbe diventare un pretesto per eleggere un bel ragazzo come nostro portaborse personale…e poi le clutch non sono solo delle borse, sono opere d’arte capaci di impreziosire qualsiasi outfit, come quelle con i manici gioiello di Alexander McQueen, diventate ormai un cult tra le fashioniste.
Ma se c’è un accessorio che si presta a qualsiasi stile, colore e fantasia, questo è proprio la borsa, e anche tra le pochette c’è l’imbarazzo della scelta: da quelle eleganti e prezione a quelle minimal, fino ad arrivare alle fantasie più trasgressive, come la nuova clutch in pitone con profili fucsia di Stella McCartney.



“FLAT HEELS”:
avete presente le Creepers, quelle bizzarre scarpe con la suola piatta e alta, caratteristiche dei punk anni ’70-’80? Ebbene, sono state prese come spunto per un nuovo tipo di tacco: la “zeppa piatta”.
Fattesi timidamente largo nell’inverno 2011, nella primavera 2012 non ci sarà ragazza che non ne avrà un paio ai piedi.
Come si portano? Beh, sono senz’altro scarpe vistose, audaci e non adatte alle occasioni più eleganti, ma vi regaleranno uno stile inconfondibile e super fashion con un outfit casual, magari minimal e un po’ dark.



BANGLES:
cos’è che non è mai mancato, nella stagione passata, addosso a tutti i fashion victims (si, tutti, perchè questo è un accessorio unisex)? I bracciali!
Un accessorio che ha fatto letteralmente impazzire i fashion bloggers e le voguistas di tutto il mondo, come Bianca Brandolini D’Adda, che spesso è stata fotografata con le braccia ricoperte di bracciali.
Se prima andava di moda abbinare colore e materiale, oggi l’imperativo è mixare!
Vedremo, in questa nuova stagione, ragazze… e ragazzi indossare miriadi di braccialetti, uno affianco all’altro, e non abbiate paura di osare: abbinate pure bangles in osso, file di borchie, teschi e tennis di diamanti!
La moda dei bracciali non ha regole, anzi, da quel che abbiamo potuto imparare dai fashion bloggers più famosi, l’unica regola è essere audaci e sbizzarrirsi nel creare i mix più arditi.

Written by: Avant Garden